JoomlaLock.com All4Share.net

A.N.Co.Re.

Associazione Nazionale Counselor Relazionali

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Delibera Assemblea Soci del 31 maggio 2014

 

STATUTO

Articolo 1 - Costituzione

È costituita l'Associazione Nazionale Counselor Relazionali “A.N.Co.Re.”; essa ha carattere democratico, apolitico, aconfessionale ed è senza scopo di lucro.

L’Associazione ha carattere nazionale ed è costituita da Counselor Relazionali.

L’Associazione A.N.Co.Re. è un’associazione professionale di categoria, disciplinata ai sensi della Legge n.4/2013 riguardante le professioni non organizzate in ordini o collegi,  ed è regolamentata dal presente Statuto, dal Codice Deontologico e dai Regolamenti.

Articolo 2- Elenco professionale

L’Associazione costituisce l’Elenco Professionale dei Counselor Relazionali.

Articolo 3 – Sede

La rappresentanza legale dell’Associazione ha sede presso la residenza del Presidente.

L’Associazione è decentrata sul territorio italiano ed europeo con sedi territorialitutte dipendenti dalla sede nazionale.

Articolo 4 – Finalità

L'Associazione, esclusa qualsiasi finalità di lucro e con propria autonomia patrimoniale, assume i seguenti scopi:

1.Definire il profilo professionale di Counselor per i propri associati.

2.Definire gli standard formativi che consentono l’accesso all’Associazione.

3.Rilasciare ai propri iscritti un Attestato di Qualità e Qualificazione Professionale dei servizi ai sensi degli articoli 7 e 8 della Legge 14 gennaio 2013, n° 4 e successive modifiche.

4.Tutelare la specifica attività svolta dai Counselor Relazionali.

5.Riconoscere specifici iter formativi secondo gli standard definiti al punto 2) del presente articolo.

6.Realizzare la costituzione di un Elenco di professionisti in possesso dei requisiti previsti dall’associazione.

7.Realizzare un iter di verifica in ingresso dei requisiti per l’iscrizione dei Soci.

8.Definire l’obbligo per i Soci di procedere all’aggiornamento permanente nonché di prevedere idonei strumenti di verifica che accertino l’effettivo adempimento di tale obbligo.

9.Realizzare con cadenza periodica la verifica dei requisiti in possesso dei singoli Soci finalizzata a mantenere lo status stesso di Socio.

10.Vigilare sull’osservanza del Codice di Deontologia, che prevede sanzioni graduate in relazione alle violazioni poste in essere.

11.Promuovere e stimolare il processo di interscambio culturale fra il mondo professionale e quello accademico.

12.Promuovere e tutelare in ogni sede gli interessi generali della professione di Counseling anche ponendosi come parte interessata in trattative di carattere contrattuale e in generale sindacale.

13.Promuovere congressi, convegni, manifestazioni scientifiche, seminari di studio ed altre attività a fini di studio e divulgazione del Counseling Relazionale.

14.Promuovere e gestire attività di formazione e/o aggiornamento e/o perfezionamento e/o master in ambito educativo, scolastico, sociale, sanitario, giuridico ed aziendale anche in collaborazione con enti pubblici e privati.

15.Promuovere e gestire attività di formazione e/o aggiornamento del personale direttivo,docente e ATA delle scuole ed istituti di istruzione di ogni ordine e grado.

16.Promuovere e gestire ogni attività editoriale utile al conseguimento dei fini dell’Associazione.

Per il raggiungimento delle sue finalità, l'Associazione si propone di collaborare con enti pubblici o privati, nazionali e internazionali, movimenti o associazioni europei ed extraeuropei.

Articolo 5 - Entrate e uscite

A. Il patrimonio e le entrate dell’associazione sono costituite da:

1. Quote associative annue.

2.Contributi straordinari dei Soci

3. Eventuali erogazioni, donazioni e lasciti siano essi provenienti da persone fisiche o giuridiche.

4. Proventi straordinari ottenuti attraverso l’attività dell’associazione per la promozione dell’attività di Counseling Relazionale.

5. Eventuali fondi di riserva costituiti con eccedenze di bilancio.

6. Beni mobili ed immobili che diventeranno di proprietà dell’associazione.

7. Contributi e finanziamenti di enti pubblici nonché di sponsorizzazioni nazionali e internazionali.

8. Ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale.

B. Le uscite dell’associazione sono costituite da:

1. Uscite per la gestione annuale dell’esercizio.

2. Uscite straordinarie quali quelle destinate all’incremento delle attrezzature e dello stato patrimoniale dell’associazione.

3. L’esercizio sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. 

 

Articolo 6 – Soci

Possono aderire all’associazione tutti coloro che, maggiorenni, abbiano conseguito idonei titoli professionali così come definiti dall’associazione attraverso l’emanazione di specifici regolamenti interni e abbiano superato l’esame di valutazione professionale promosso dall’associazione stessa.

I Soci dell'Associazione sono distinti in:

a) Soci fondatori: coloro i quali possiedono il titolo di Counselor Relazionale e hanno fondato l’associazione

b) Soci ordinari: coloro i quali possiedono il titolo di Counselor Relazionale e, superato l’esame di ammissione, sono stati accolti nell’associazione A.N.Co.Re.

I Soci ordinari e fondatori sono tenuti, a garanzia dell’utente:

- alla stipula di un’assicurazione professionale per la responsabilità, conseguente ai danni causati dall’esercizio dell’attività professionale, secondo quanto indicato nel Regolamento interno;

-al pieno rispetto dei Regolamenti, del Codice Deontologico, del Regolamento disciplinare dell’Associazione;

- al pagamento della quota associativa;

- all'obbligo dell'aggiornamento permanente così come deliberato dal Consiglio Direttivo.

d) Soci onorari: coloro i quali, a giudizio dell’Assemblea Soci, abbiano acquisito pubblica e riconosciuta fama in discipline attinenti alla professione di Counselor Relazionale. I Soci onorari non pagano la quota associativa e non hanno diritto all’elettorato attivo e passivo.

f) Soci sostenitori: coloro i quali, in qualità di singoli privati o di enti pubblici o privati, intendano sostenere l’associazione nel perseguire le finalità di cui all’art.4.

I Soci sostenitori non hanno diritto di voto in seno all’Assemblea Soci e pagano una quota associativa secondo quanto deliberato dal Consiglio Direttivo.

Lo status di Socio ordinario dà automaticamente diritto all’iscrizione all’Elenco Professionale dei Counselor Relazionali.

L'adesione all'Associazione è a tempo indeterminato, salvo recesso volontario del Socio, perdita della qualifica di Socio o per gravi motivi con delibera del Collegio dei Probiviri.

Articolo 7 - Doveri dei soci

I Soci sono obbligati:

1. All’osservanza delle norme statutarie ed in particolare a condividere gli scopi del presente Statuto.

2. All’osservanza delle norme deontologiche fissate dall’associazione.

3. All’osservanza dei regolamenti interni fissati dall’associazione con particolare riferimento all’obbligo dell’aggiornamento permanente.

4. Al pagamento della quota sociale annua stabilita dall’Assemblea Nazionale su proposta del Consiglio di Presidenza Nazionale.

5. A favorire con il proprio impegno e comportamento il raggiungimento degli scopi statutari. 

Articolo 8– Quota associativa

La quota associativa è volta a coprire le spese di gestione e le attività formative, culturali e promozionali; tale quota è intrasmissibile e non rimborsabile.

L’importo è differenziato per i Soci ordinari e sostenitori. 

L’importo verrà determinato annualmente dal Consiglio Direttivo Nazionale e ratificato nel corso della prima Assemblea dei Soci.

Il versamento della quota associativa è da effettuarsi  sul c/c intestato all’associazione A.N.Co.Re. Il mancato versamento della quota associativa annuale comporta il decadimento dallo status di Socio. La quota annuale deve essere versata entro fine marzo dell’anno di riferimento. La quota, in qualunque mese venga versata, ha validità solo per l’anno in corso.

Articolo 9 – Organi dell’associazione

Al fine di amministrare il funzionamento dell’Associazione sono istituiti i seguenti organi:

1.Assemblea dei Soci

2.Consiglio Direttivo Nazionale

3.Presidente

4.Tesoriere

5.Segretario

6.Comitato Scientifico

7.Collegio dei Probiviri

In particolare:

1.L’Assemblea dei Soci è l’organo sovrano dell’associazione; svolge funzione di indirizzo e di controllo del rispetto delle finalità statutarie:

- elegge il Consiglio Direttivo Nazionale, il Comitato Scientifico e il Collegio dei probiviri;

- approva le modifiche statutarie,predisposte dal Consiglio Direttivo, salvo quelle di attuazione e di adeguamento alla normativa statale e/o comunitaria;

- ratifica le linee guida dell’Associazione predisposte dal Consiglio Direttivo, le iniziative dallo stesso intraprese e ne controlla l’operato;

- approva i bilanci preventivi e consuntivi predisposti annualmente dal Consiglio Direttivo;

- ratifica i regolamenti redatti e deliberati dal Consiglio Direttivo;

-ratifica il Codice Deontologico redatto e deliberato dal Consiglio Direttivo.

Si riunisce almeno una volta l’anno secondo le modalità enunciate nell’art.10 del presente statuto. L’Assemblea Soci è composta da tutti i Soci dell’associazione, hanno diritto di voto i Soci ordinari in regola con il pagamento della quota dell’anno solare precedente.

2.Il Consiglio Direttivo Nazionale è eletto dall’Assemblea soci, decide circa le iniziative da assumere ed i criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’Associazione, per la sua direzione ed amministrazione ordinaria e straordinaria.

A titolo di esempio, il Consiglio Direttivo:

- delibera il bilancio preventivo, il rendiconto finanziario e lo stato patrimoniale da presentare annualmente all’Assemblea Soci;

- dispone in materia di organizzazione;

- attua il collegamento fra i referenti locali e gli organi centrali dell'Associazione;

- definisce le attività di promozione dell’Associazione;

- procede all’inizio di ogni anno sociale alla revisione dell’elenco dei Soci;

- delibera l’accettazione delle domande per l’ammissione di nuovi Soci e intraprende ogni altra    iniziativa funzionale alle finalità di cui all’art. 3 del presente Statuto;

- delibera sulle domande di ammissione di nuovi Soci;

- propone all’Assemblea Soci l’importo delle quote annue di associazione;

- predispone le modifiche statutarie di attuazione da sottoporre all’Assemblea Soci per l’approvazione;

- redige e delibera le modifiche dei Regolamenti e del Codice Deontologico, che dovranno essere sottoposte alla ratifica dell’Assemblea Soci alla prima riunione utile;

- redige e delibera le modifiche statutarie di attuazione o di adeguamento a normative statali e/o comunitarie da sottoporre all’Assemblea Soci alla prima riunione utile;

- istituisce commissioni o figure specifiche per l’attività dell’Associazione;

- può rilasciare delega ai Soci ordinari per il compimento di atti nell’interesse dell‘Associazione.

Possono far parte del Consiglio Direttivo tutti i Soci ordinari del presente Statuto, non possono farne parte i Rappresentanti Legali degli enti e degli organismi formativi di cui all’articolo 4, punto 5 del presente Statuto.

Il Consiglio elegge, a maggioranza assoluta, nel suo seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario ed il Tesoriere.

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal VicePresidente o, per loro incarico, dal Segretario a mezzo email o fax. inviati almeno 5 gg. prima della riunione.

Esso deve essere inoltre convocato quando almeno 3 dei membri del Consiglio ne facciano richiesta con indicazione degli argomenti da trattare. Il Consiglio Direttivo può, all’occorrenza, nominare un Revisore dei Conti.

In caso di vacanza e/o di decadenza di un consigliere, qualora non venga meno la maggioranza del Consiglio Direttivo Nazionale, gli altri consiglieri procedono a sostituirlo mediante cooptazione. Il sostituto resta in carica fino alla scadenza naturale del Consiglio Direttivo stesso.

3. Il Presidente presiede l’Assemblea dei Soci e il Consiglio Direttivo;convoca le assemblee e ne esegue le deliberazioni, ha la firma e la rappresentanza legale dell’Associazione di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria, amministrativa e di fronte a terzi, nell'ambito nazionale e internazionale.

Il Presidente ha la responsabilità di aprire e chiudere il conto corrente dell’Associazione, di cui detiene la firma, che utilizzerà, con il consenso della maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo, in caso di impossibilità o temporanea assenza del Tesoriere.

È garante dell’Elenco Professionale dei Counselor Relazionali di A.N.Co.Re., aggiornato dal Segretario o da altro componente il Consiglio Direttivo. Il Presidente non può essere anche Tesoriere.

In caso di assenza o di impedimento del Presidente la rappresentanza legale dell’Associazione spetta al Vice Presidente, la cui firma fa prova dell’assenza o impedimento del Presidente.

È eletto tra i componenti del Consiglio Direttivo Nazionale di cui fa parte. Nomina il Presidente del Comitato Scientifico su indicazione dell’Assemblea Soci.

4. Al Tesoriere Nazionale compete l'amministrazione ordinaria e il patrimonio dell’Associazione, ha potere di firma sul conto corrente, dietro autorizzazione del Presidente, è responsabile della contabilità, con facoltà di riscuotere somme e valori, di fare pagamenti, di rilasciare quietanze e di provvedere ad operazioni bancarie attive e passive, redige annualmente il bilancio preventivo e consuntivo, relaziona all’Assemblea dei Soci e al Consiglio Direttivo Nazionale; su mandato del Consiglio Direttivo Nazionale può avvalersi della consulenza esterna del commercialista. 

5. Il Segretario Nazionale cura la comunicazione interna ed esterna all’associazione sulla base delle delibere assunte in Assemblea Soci e nel Consiglio Direttivo Nazionale. È responsabile dell’archivio dati dell’associazione, del protocollo, della verbalizzazione delle sedute del Direttivo; è addetto alla preparazione dei documenti di convocazione e verbalizzazione delle Assemblee Soci e delle riunioni del Consiglio Direttivo Nazionale e della custodia dell’Elenco professionale degli stessi; si occupa della corrispondenza in uscita anche con la collaborazione degli altri membri del Consiglio Direttivo; aggiorna l’Elenco Professionale Counselor Relazionali, salvo diversa disposizione del Consiglio Direttivo.

6. Il Comitato Tecnico-Scientifico svolge un ruolo consultivo e propositivo riguardo alle tematiche metodologiche ed epistemologiche e alle iniziative scientifiche, formative e culturali della associazione, garantendone un alto livello qualitativo; integra inoltre i diversi approcci teorici e promuove esperienze di ricerca-intervento. Esso viene eletto dall’ Assemblea Soci.

7. Il Collegio dei Probiviri è l’organo competente e deliberante per tutte le controversie e per l’adozione dei provvedimenti disciplinari. Il giudizio è inappellabile con assicurazione alla parte contestata del diritto di difesa nel procedimento disciplinare. E’ tenuto a riferire all’Assemblea Soci e al Consiglio Direttivo Nazionale. Viene eletto dall’Assemblea Soci. È organo dotato di autonomia, la carica è incompatibile con l’iscrizione all’Associazione. Nessun componente del Collegio dei Probiviri può essere membro del Consiglio Direttivo.

L’associazione attraverso i suoi organi dirigenziali si impegna a rimuovere eventuali situazioni di conflitto di interesse.

Articolo 10 – Elezione e durata degli organi

L’elezione degli organi avviene secondo il principio democratico di maggioranza.

La durata del mandato per le cariche istituzionali del Presidente, del Consiglio Direttivo Nazionale e del Collegio dei Probiviri è di cinque anni.

Articolo 11 – Composizione Organi

Il Consiglio Direttivo Nazionale è composto da 5 membri eletti dall'Assemblea Soci fra i Soci ordinari. e fondatori.

Il Comitato Scientifico si compone di ricercatori, docenti universitari e professionisti con specifiche competenze nei campi d’interesse dell’associazione, è composto da un numero di membri tra i 3 e i 7 membri.

Il Collegio dei Probiviri è composto da membri effettivi e da un membro supplente.

I componenti degli organi possono essere sollevati dall’incarico nel corso di un’assemblea straordinaria richiesta da 1/5 dei soci, qualora la mozione ottenga la maggioranza di 2/3 dei voti validamente espressi.

L'assenza ingiustificata di ciascun componente degli organi di cui all’art. 9 per più di due sedute consecutive comporta automaticamente la decadenza dalla carica.

 Articolo 12 – Convocazioni

L’Assemblea ordinaria dei Soci è convocata dal Presidente nel corso di ogni anno solare.

L’Assemblea straordinaria può essere richiesta al Presidente da 1/5 dei soci o dalla maggioranza del Consiglio Direttivo, specificando l’ordine del giorno.

Le assemblee ordinarie e straordinarie sono convocate dal Presidente, a cura del Segretario, con preavviso di almeno 20 giorni, con mezzi di comunicazione idonei allo scopo.

L'avviso di convocazione deve indicare il luogo, il giorno, l'ora della riunione e l'elenco dell'ordine del giorno.

I compiti di verbalizzazione nel corso delle assemblee saranno svolti dal Segretario incaricato o, se necessario, da un membro del Consiglio Direttivo Nazionale o Socio con diritto di voto. Il registro dei verbali è custodito dal Presidente dell’Associazione.

Ogni organo dell’Associazione A.N.Co.Re. è al proprio interno autonomo per la convocazione degli incontri; il verbale delle riunioni svolte deve essere inviato al Presidente e al Consiglio Direttivo che provvederanno a darne pubblicità tra i Soci e ad inserirlo nell’ordine del giorno della prima riunione successiva.

Articolo 13- Procedimento disciplinare

Ogni segnalazione di violazione da parte del Socio delle regole di deontologia professionale e delle disposizioni del presente Statuto viene immediatamente comunicata, a cura del Consiglio Direttivo Nazionale, al Socio al quale è garantito il diritto di difesa in conformità al Regolamento Disciplinare. 

Articolo 14 – Trasparenza e visibilità

L’attività dell’associazione A.N.Co.Re. è improntata alla trasparenza e alla visibilità. 

L’attività del Consiglio Direttivo Nazionale, i verbali dell’Assemblea Soci e il bilancio dell’associazione sono resi noti ai Soci e posti all’approvazione dell’Assemblea Soci.

I registri sono conservati presso la Segreteria Nazionale sede legale dell‘Associazione e possono essere esaminati previa richiesta.

Articolo 15 – Modifiche statutarie

Il presente Statuto può essere modificato a condizione che le proposte di modifica siano poste all'ordine del giorno dell'Assemblea dei Soci e da questa approvate con maggioranza qualificata dei 2/3 dei soci. Se il numero dei presenti alla votazione non sarà uguale o superiore al 50% degli iscritti più uno, il Consiglio Direttivo Nazionale, in seconda convocazione, può disporre immediatamente una seconda votazione in cui la maggioranza richiesta sia uguale ai 2/3 dei votanti.

Articolo 16 – Scioglimento

Lo scioglimento dell'Associazione richiede delibera dell'assemblea con voto favorevole a maggioranza qualificata dei 2/3 dei soci. Se il numero dei presenti alla votazione non sarà uguale o superiore al 50% degli iscritti più uno (nel quorum sono comprese le deleghe), il Consiglio Direttivo dispone una nuova convocazione a distanza non inferiore a 30 giorni in cui la maggioranza richiesta sia uguale ai 2/3 dei votanti.

Articolo 17 - Disposizioni finali

Per tutto quanto non previsto nel presente Statuto, valgono le disposizioni del Codice Civile in materia di associazioni non riconosciute.

 

Scarica lo Statuto


Condividi con: